Teaway HomeVendita on-lineInformazioni sul TèAssistenza Clienti
La Storia del TèLa Pianta - Camelia SinensisInfo sulla Produzione del TèClassificazione Tipologie TèConsigli su come preparare il TèRicette curiose con il TèTè, Salute e BenessereSpeciale Pu'er pressatiSpeciale Darjeeling 1st FlushSpeciale Oolong di RocciaSpeciale Oolong Tie Guan YinLong Jing: il Re dei Tè Verdi
email>pass> carrello:
vuoto
125
Informazioni sul Tè    La Storia del Tè    Il tè ai giorni nostri

Ai giorni nostri

Il tè nelle sue diverse qualità e miscele è la bevanda più consumata al mondo. I paesi maggiori produttori di tè sono Cina, Taiwan, Giappone, India, Sri Lanka, Bangladesh, Pakistan, Kenia, Malesia, Indonesia, Vietnam, Argentina e alcune zone del Sud America. Le aree di coltivazione sono quelle compresse tra latitidine 40° nord e latitudine 30° sud in Africa.

set da tè indianoIn India si usa arricchire il tè con spezie e aromi, come cardamomo, pepe, chiodi garofano, noce moscata. Secondo la tradizione il tè chay si prepara mettendo nell’acqua calda un po’ di zenzero fresco, il tè e lo zucchero e aggiungendo infine il latte. In altre zone dell’India il tè viene aromatizzato con scorze di arancia o limone, oppure, nelle zone ad altitudini più elevate, con rum.

preparazione tè in TibetIn Tibet il tè viene preparato ancora come secoli fa, cioè facendo bollire le foglie di tè nero in acqua bollente con il cardamomo e aggiungendo poi burro rancido e di latte di yak.

In Cina il tè viene consumato in alte quantità, seguendo ancora oggi un antico rituale, secondo regole stabilite: la temperatura varia a seconda del tipo di tè, vicino all’ebollizione se si tratta di tè nero, intorno agli 80-85°C per tè fermentati e a 70°C per i tè verdi.

Cha-no-yo rituale giapponese del tèIn Giappone la cerimonia del tè viene chiamata Cha No Yu: anche qui, come per la Cina, la preparazione del tè è considerato un momento importante: nel paese sono molte le scuole del tè, desinate soprattutto alle donne. L’acqua viene fatta bollire in una teiera di ferro; in ogni tazzina di ceramica viene versato un cucchiaino di tè verde in polvere; viene poi versata l’acqua e mescolato il tutto con un frustino di bambù. Quando compare una leggera schiuma il tè può essere servito.

Gli arabi insaporiscono il tè con foglie di menta fresca e lo servono in bicchieri anziché nelle tazze. Molto complesso anche il rituale del tè dei Tuareg, gli uomini blu del Sahara: secondo tradizione vengono consumati tre tè alla menta diversi, uno di seguito all’altro. Si passa dal primo tè, forte e amaro (come la morte), servito alzando la teiera, così che si formi un po’ di schiuma nella tazza, al secondo tè per il quale viene aggiunta altra acqua bollente nella teiera e altre foglie di menta per un risultato più dolce (la vita), per finire con un tè molto più zuccherato e leggero (l’amore). Questa complessa cerimonia richiede circa 2-3 ore.

In Inghilterra è molto elevato il consumo di tè diversi in diversi momenti della giornata: i tè aromatizzati vengono consumati da soli, mentre le varietà Assam, Ceylon e Darjeeling con l’aggiunta di zucchero e latte.

Gli Irlandesi (4 chili di consumo di tè procapite all’anno) sostituiscono il latte con la panna, più nutriente.

samovarAnche in Russia il consumo di tè è alto, soprattutto per la varietà Assam, servito forte, spillando l’acqua bollente dal samovar, una sorta di grande bollitore con due teiere, una più grande per l’acqua calda e una più piccola per l’infuso.

In Francia e in Germania il consumo di tè negli ultimi anni è cresciuto molto: le varietà preferite sono il Darjeeling, l’Assam e soprattutto il tè nero affumicato, il Lapsang Souchong.




colazione con tèIn Italia il consumo di tè è ancora tra i più bassi in Europa (75 grammi procapite), anche se l’interesse per questa bevanda è in costante aumento anche grazie alle ormai dimostrate proprietà benefiche per la salute.

La “raccolta imperiale”, in tempi antichi, era riservata all’Imperatore e consisteva nel germoglio e una sola foglia alla sommità della pianta, anziché quattro come per il popolo.
 
“L'uso del tè è sovranamente raccomandato ai Gentiluomini d'Ingegno Acuto; di costoro potrà così essere preservata la continuità delle Idee Distinte, e ciò grazie al di lui ineguagliato potere di eliminare oppure prevenire Sonnolenze e Ottusità, Offuscamenti e Nuvole del Cervello e delle Facoltà Intellettuali. Il tè genera un'ardente Prontezza, disperde l'Oppressione, mantiene vigile l'Occhio e lucida la Testa; anima il Pensiero, infonde rinnovato vigore all'Invenzione, sveglia i Sensi, purifica Cuore e Mente, mantiene e accresce Idee già per sé vivaci, eccita i Poteri dell'Intelletto."
 
Nella cerimonia giapponese nella sala da tè si vuole creare un’idea di raccoglimento e di semplicità. Chiusa su tutti e quattro i lati, rappresenta uno spazio isolato e recluso molto suggestivo. La vera realtà della stanza è il vuoto che permette libertà di movimento, sia in senso spirituale che fisico.
 
©2006-2020 e-Solutions | P.I. 03014840049 - CCIAA CN/REA 267603 | e-mail: [email protected]