Teaway HomeVendita on-lineInformazioni sul TèAssistenza Clienti
La Storia del TèLa Pianta - Camelia SinensisInfo sulla Produzione del TèClassificazione Tipologie TèConsigli su come preparare il TèRicette curiose con il TèTè, Salute e BenessereSpeciale Pu'er pressatiSpeciale Darjeeling 1st FlushSpeciale Oolong di RocciaSpeciale Oolong Tie Guan YinLong Jing: il Re dei Tè Verdi
email>pass> carrello:
vuoto
125,156
Informazioni sul Tè    Consigli su come preparare il Tè    L'attrezzatura per preparare il tè

L’attrezzatura per preparare il tè

teiere cinesiLe teiere
Esistono vari tipi di teiere, tra cui quelle in vetro, già munite di filtro che appoggia sul collo della teiera, quelle a stantuffo in cui le foglie vengono allontanate dall’infuso quando questo è pronto, alle più pregiate teiere Yixing cinesi in porcellana.

Queste teiere vengono prodotte nelle forme più originali: sono molto apprezzate dagli intenditori in quanto capaci di esaltare l’aroma dei tè cinesi.

È necessario però che vengano utilizzate spesso e a lungo prima di acquisire la patina necessaria ad esaltare il tè; anche per questo motivo la teiera andrebbe riservata alla preparazione di un solo tipo di tè poiché il materiale poroso di cui è costituita assorbe l’aroma e i depositi; bisognerebbe quindi averne almeno due, una per i tè verdi e una per i tè neri.

È inoltre molto importante non lavare mai la teiera con detersivo o sapone, ma solo con acqua calda e farla asciugare capovolta, senza asciugarla all’interno.

Per preparare tè forti come l’Assam, il Ceylon e gli africani in genere, è più adatta una teiera in ghisa, argento o terracotta, mentre per i tè più leggeri come il tè verde, oolong e Darjeeling è preferibile usare teiere in porcellana.

tazza gaywan per la preparazione del tèIl gaywan
È un tipo particolare di tazza usata in Cina. Letteralmente significa “tazza coperta” ed è costituita da un piattino, dalla tazza e da un coperchio.

Si mettono le foglie del tè nella tazza e si versa l’acqua all’interno della stessa: dopo 2-3 minuti, nel caso di tè verde, si comincia a sorseggiare l’infuso sollevando leggermente il coperchio e tenendolo inclinato in modo che trattenga le foglie.

Tazze e piattini
Esistono molti tipi di tazzine o ciotole: in Cina si utilizzano solitamente piccole ciotole senza manico, in India viene servito in tazze di argilla, in Russia vengono utilizzati bicchieri in vetro con manico di metallo, in Marocco bicchieri in vetro posti su vassoi in argento.

ciotola di porcellana giapponeseLe ciotole giapponesi
Vengono utilizzate per la preparazione del tipico tè verde giapponese in polvere: il matcha. Queste ciotole devono essere sufficientemente ampie da potervi inserire all’interno il tipico frullino di bambù utilizzato per ottenere l’infuso schiumoso.

I filtri
Esistono molti tipi di filtri in commercio: filtri a molla, filtri a cucchiaio, filtri di mussola, filtri a forma di palla, vari filtri da teiera.
È bene valutare in modo accurato anche la scelta dl filtro: i tè a foglia grande aumentano molto di dimensione durante l’infusione e, se messi in filtri troppo piccoli, potrebbero non rilasciare correttamente il loro aroma.

I colini
Indispensabile se si usa il tè in foglie per colare l’infuso nella tazza. Ne esistono di diversi tipi e forme, da quelli in bambù, ai classici in acciaio.

Le teiere di Yixing
Yixing è una cittadina della Cina orientale famosa per le teiere più singolari, associate alle leggende cinesi.

Se ne trovano a forma di zucca, di drago, di cuscino, decorate con calligrafie, lavorate anche in pezzi unici dai maestri vasai che vi appongono la loro firma.

le teiere di Yi XingIn Cina vengono prodotte terracotte di diversi colori, grazie al sottosuolo ricco di varie qualità di argilla; il mercato delle teiere in Europa scoppiò nel XVII secolo, grazie alla passione degli europei per il tè.

Le ceramiche giapponesi
I maestri giapponesi del tè usavano ordinare agli artigiani gli oggetti per il Cha No Yu (la cerimonia tradizionale del tè) invitandoli a rispettare e seguire il principio estetico incentrato sulla sobrietà.

ciotola e teiera giapponese in ghisaAlla fine del XVI secolo Chojiro fondò una dinastia di vasai che si dedicarono alla produzione di oggetti in terracotta smaltata di colore nero e rosso; altre ceramiche originali provengono da Bizen, una città nella regione montuosa nella baia di Katakami.

La cerimonia del tè giapponese, di origine buddista, si chiama "Cha no yu" ovvero "acqua calda per il tè".
 
Non lavate mai la teiera (soprattutto se di ceramica o argilla) con detersivo o sapone poiché il loro odore è molto persistente e rovinerebbe il tè. Non asciugate il suo interno: sulle pareti si depositerà il tannino, il cui aroma riempirà i pori della teiera.
 
©2006-2020 e-Solutions | P.I. 03014840049 - CCIAA CN/REA 267603 | e-mail: [email protected]